Scritto da Cobas scuola | Articolo postato il 2013-08-21 22:08:18 | Tag conflitti

Inizio d'anno scolastico con sciopero: il 18 ottobre 2013 la scuola incrocia le braccia


Il Governo Letta ha di nuovo bloccato i contratti della scuola e del PI e gli scatti stipendiali non solo per il 2013, ma anche per il 2014! Per salvare il governo dai contraccolpi della condanna di Berlusconi, Letta ha continuato per giorni a dichiarare che il governo non poteva cadere proprio nel momento in cui si sta superando la crisi; quando però vengono tagliati gli stipendi, il governo dichiara che “sussistono condizioni di eccezionalità” e che il provvedimento “si rende necessario per la particolare contingenza economico-finanziaria”.
E a pagare sono i soliti: l’ultimo CCNL risale al 2009; il 2012 era stato già congelato dal governo Berlusconi ai fini degli scatti stipendiali. Dopo gli scioperi del novembre 2012 il governo Monti aveva scongelato il 2011 in cambio di un taglio del 25 % dei fondi per la contrattazione di istituto: ora, in una sorta digioco delle tre carte,il governo non solo si riprende senza contropartite un anno di blocco degli scatti, ma lo raddoppia!
In base al confronto tra le tabelle stipendiali e il FOI (indice Istat dei prezzi per famiglie, operai e impiegati) dal 1990al2013 un dipendente della Scuola con 20 anni di servizio ha perso mediamente il 28,5% di potere d’acquisto, corrispondenti a una perdita lorda mensile di 460 € per il collaboratore scolastico o di 650 € per un docente laureato delle superiori.
Il taglio dei salari reali non solo è iniquo, ma è dannoso per l’economia nazionale e per gli stessi conti pubblici. Infatti, tagliare i salari reali comprime la domanda interna di beni e servizi, che a sua volta riduce la produzione, l’occupazione e, di conseguenza, lo stesso gettito fiscale. I governi di centro destra, di centro sinistra e di larghe intese continuano imperterriti e senza soluzione di continuità a portare avanti una politica di austerità che stritola l’economia, i diritti dei lavoratori e i servizi pubblici in un circolo vizioso: è dall’inizio della crisi che ogni manovra è il presupposto per una nuova manovra, costituendo il problema e non la soluzione.
Anche per questo è del tutto inaccettabile che qualcuno in rappresentanza dei lavoratori si sieda ad un tavolo di contrattazione della sola parte normativa che in questa congiuntura risulterebbe peggiorativa unendo così il taglio dei diritti al taglio degli stipendi. I Cobas, insieme agli altri sindacati di base, hanno indetto sin da ora per il 18 ottobre uno sciopero generale con manifestazione nazionale a Roma contro il blocco dei contratti e degli scatti, il taglio dei servizi pubblici e, in generale, la politica di austerità.
Roma, agosto 2013



Se vuoi commentare (l'e-mail non viene resa pubblica)
Autore:

E-mail:

Testo:


infoschool/conflitti

Testi, video, foto, grafica per informare su come cambia la scuola. Su come (loro: i governi) vogliono che cambi la scuola. Su come (noi: docenti, studenti, operatori, genitori) vogliamo che cambi la scuola.

Narrazioni dei conflitti che attraversano i territori dell'istruzione. Condivisione delle proposte che nascono a partire dalle moltissime pratiche, spesso innovative e autonome, di docenti.